Traitement...

REPERTORIO 23-24

Il repertorio del Cannes Jeune Ballet Rosella Hightower mescola balletti del grande repertorio, creazioni di giovani coreografi e rivisitazioni o creazioni di coreografi più famosi. Viene rivisitato ogni anno per offrire sempre più novità e per arricchire le conoscenze dei nostri giovani ballerini.

Amber

Coreografia: Lukas Timulak

Musica: Beastie Boys, Kate Moore

Creato nel novembre 2023 per il Cannes Jeune Ballet Rosella Hightower

Durata: 21 minuti

13 ballerini

In questa nuova creazione per il Cannes Jeune Ballet, il coreografo Lukas Timulak lavora con un collaboratore di lunga data, il designer Peter Bilak.

Esplorando i limiti della percezione visiva ed emotiva, la scena diventa una tela evolutiva, immergendo il pubblico in un mondo in cui le emozioni trascendono i confini.

La performance è accompagnata dalla musica strumentale dei Beastie Boys e dalle composizioni al pianoforte di Kate Moore.

Foto: Nathalie Sternalski

Un Momento di Felicità

Coreografia: Renato Zanella

Musica: Nino Rota

Creazione aprile 2023 per il Cannes Jeune Ballet Rosella Hightower

Durata: 25 minuti

13 ballerini

"Quando creo al pianoforte, tendo a sentirmi felice, ma - l'eterno dilemma - come possiamo essere felici in mezzo alla sventura? Farò tutto il possibile per regalare a tutti un momento di felicità. Questo è il cuore della mia musica" (Nino Rota)

Avvicinarsi al lavoro di Nino Rota è certamente un momento di grande emozione e memoria, dato che generazioni hanno ammirato i film più belli e di maggior successo del realismo italiano abbracciati dalla sua musica. Come può la danza affrontare questo?

Due arti senza voce che si incontrano, per creare nuove emozioni anche affrontando belle composizioni in parte meno conosciute dal grande pubblico e quindi un soggetto di riflessione e di ricerca per creare nuove dimensioni artistiche. Giovani ballerini si avvicinano a Nino Rota, lo interpretano, lo vivono ma soprattutto cercano ciò che la sua musica può portare alle nuove generazioni.

C'è una storia, no, sì, perché la sua musica parla e racconta e prenderà per mano questi giovani con l'impegno di farli crescere come sempre ci ha aiutato attraverso le interpretazioni di grandi registi come Luchino Visconti, Eduardo De Filippo, Mario Monicelli, Franco Zeffirelli e soprattutto Federico Fellini.

Prendere il volo tra le sue note, è quello che faremo, in punta di piedi senza aggiungere un suono per creare una nuova interpretazione, direi di avere l'impressione di essere presi per mano dal grande compositore. Concludo con una frase di F. Fellini che mi accompagnerà in questa nuova creazione:

"Cosa sai? Hai mai sentito il suono di un violino? No, perché se aveste ascoltato le voci dei violini come le sentiamo ora, vi sareste taciuti, e non avreste l'impudenza di credere che state ballando. La danza è... è un ricamo. È un volo. È come intravedere l'armonia delle stelle. È una dichiarazione d'amore. La danza è un inno alla vita!"

(La Voce della Luna, FEDERICO FELLINI, 1990)

Renato Zanella

Foto: Nathalie Sternalski

G/S<L (Gently Sick Love)

Coreografia: Francesco Nappa

Musica: Peter Broderick, Max Richter

Creato nel 2016 per il Jeune Ballet di Cannes Rosella Hightower

Durata: 7 minuti

2 ballerini

G/S<L, che sembra il nome della giovane Giselle, è in realtà l'acronimo della storia di cui è protagonista.

Giselle, malata di cuore e malata d'amore; del suo amore per Albrecht.

Un pas de deux di passione, di fiducia e, allo stesso tempo, di trappola, una danza infinita oltre la morte.

La sigla termina con "< L" (= meno di "Love"); la più potente delle forze prevale, ciò che la uccide è ciò che la salva. Come in una foresta, il cinguettio accompagna la coppia in un'atmosfera in cui è difficile distinguere se i due protagonisti abbiano già varcato la soglia della morte.

Foto: Nathalie Sternalski

Terra

Coreografia: Didy Veldman

Musica: Julia Kent, Terry Ripley Kronos Quartet

Creazione 2021 per il Cannes Jeune Ballet Rosella Hightower

Durata: 20 minuti

13 ballerini

Terra è una riflessione sugli elementi attualmente dominanti nel nostro mondo globalizzato. Insieme ai ballerini, abbiamo esplorato la misurazione, la riduzione della superficie del suolo, i confini e l'inquinamento, ispirati al cambiamento climatico e al Covid-19. Volevo affrontare la crisi attuale ed esprimerla con loro, in modo forte e bello allo stesso tempo.

Foto: Patrick Massabo